RISTORANTE HILTL ZURIGO: il locale vegetariano più vecchio d’Europa lancia il cibo a peso

Inaugurato oltre un secolo fa, da quattro generazioni nelle mani della stessa famiglia, il ristorante Hiltl di Zurigo è il locale vegetariano più vecchio d’Europa.

Nel 1898 un ristorante vegetariano apre i battenti alla Sihlstrasse, a pochi passi dalla Bahnhofstrasse, la via maestra di Zurigo che porta dalla stazione ferroviaria al lago. Nei primi anni, il locale vegetariano attira pochi clienti: i forzieri delle banche zurighesi non custodiscono ancora tonnellate d’oro e la gente è piuttosto povera.

La cultura vegetariana, che sta muovendo i suoi primi passi in Europa, suscita inoltre sentimenti d’incomprensione: a quei tempi, permettersi un pezzo di carne, almeno la domenica, è uno dei pochi lussi a cui possono ambire le nuove masse urbane. I pochi vegetariani vengono chiamati scherzosamente “Grasfresser” (mangiatori d’erba).

Con introiti di appena 30 franchi al giorno, il ristorante stenta a far quadrare i conti. La storia potrebbe quindi finire qui. Ma tra i clienti vi è Ambrosius Hiltl, un ventenne appena giunto dalla Baviera. Gravemente ammalato di gotta, non riesce quasi a muovere le dita e a svolgere il suo lavoro di sarto.

Un medico gli predice morte prematura, se non rinuncia immediatamente al consumo di carne. Ambrosius Hiltl comincia così a frequentare assiduamente il ristorante vegetariano. Molto assiduamente. Nel 1904, quando il gerente getta la spugna, l’intraprendente sarto riprende in mano il locale. L’anno seguente sposa la cuoca e nel 1907 compera il ristorante.

Tempi di ristrettezze

La storia quindi continua. Ed oggi a raccontarla è il pronipote Rolf Hiltl, seduto comodamente ad un tavolino del moderno ed elegante esercizio gastronomico. Occhi blu e riccioli biondi, nelle sue vene scorre senza dubbio sangue bavarese.

“Mio bisnonno è poi guarito in pochi mesi dalla gotta e ha vissuto fino a 93 anni”, ricorda con compiacimento il quarantenne rampollo della famiglia Hiltl, che ha preso le redini del locale nel 1998, esattamente 100 anni dopo la nascita del più vecchio ristorante vegetariano europeo.

Prima di giungere fino a lui, alla quarta generazione, l’esercizio ha dovuto superare periodi molto difficili, soprattutto durante i tempi di crisi, guerre e razionamenti della prima metà del secolo scorso. “Il nostro locale ne ha sofferto solo in parte: in tempi di ristrettezze a mancare è soprattutto la carne e la cucina vegetariana non ne ha di certo bisogno”, spiega Rolf Hiltl.

La rinuncia alla carne ha spinto inoltre gli Hiltl a dar prova di creatività, ad innovare continuamente con i pochi ingredienti disponibili fino ad alcuni decenni fa in Svizzera, in particolare uova, farina, patate, cereali e qualche legume. Col passare del tempo il ristorante si è fatto così un nome, che gli ha permesso di attraversare anche i primi decenni del Dopoguerra, quando la carne è diventata quasi onnipresente nell’alimentazione degli svizzeri.

I vantaggi della globalizzazione

Rimasta a lungo marginale, la cucina vegetariana è entrata in una nuova era dagli anni ’70, a partire dai quali si è sviluppata, soprattutto tra i giovani, una maggiore sensibilità per la natura e gli animali, come pure un marcato interesse per le culture di paesi lontani, tra cui l’India, la culla della cucina vegetariana.

“La globalizzazione ha sicuramente fatto del bene alla cucina vegetariana. Abbiamo scoperto che vi sono gastronomie molto più ricche della nostra nella preparazione di piatti vegetariani. Pensiamo ad esempio all’India, alla Cina o alla Malaisia, ma anche alla cucina mediterranea”, rileva Rolf Hiltl.

Da luogo di ritrovo per vegetariani e astinenti, il ristorante Hiltl si è così trasformato in un tempio di piacere gastronomico. Non a caso il locale non attira solo veri vegetariani: il 90% dei clienti sono vegetariani “a tempo parziale”, come lo stesso proprietario che ogni tanto si concede un piatto di carne.

“I primi vegetariani erano in buona parte dei sognatori, che volevano ricreare il paradiso sulla Terra. Oggi predominano piuttosto la coscienza ecologica e il riguardo per la propria salute. Alcuni anni fa, quando i giornali hanno parlato del morbo della mucca pazza, la gente ha fatto la coda sui marciapiedi dinnanzi alla nostra entrata”, ricorda Rolf Hiltl.

Tibits, cibo a peso

Ambrosius Hiltl sarebbe di certo molto sorpreso nel rivedere il suo ristorante alla Sihlstrasse, completamente rinnovato nel 2006. Oggi il locale popolare, frequentato da 1500 persone al giorno, offre anche un bar, una discoteca e corsi di cucina. Hiltl, diventato uno dei simboli di Zurigo, figura in ogni guida turistica e attira anche personaggi famosi, come Paul Mc Cartney o Marc Foster.

Forte di questo successo, Rolf Hiltl ha dato vita, assieme ai fratelli Frei, alla catena di ristoranti vegetariani “tibits by Hiltl”: quattro locali in Svizzera e due Londra sono già stati aperti dal 2000 e altri dovrebbe seguire nei prossimi anni.

Fonte: www.swissinfo.ch