Home Sharing Tuscany: al via in Toscana la prima rete turistica alberghiera che unisce villaggi e territori

Home Sharing Tuscany nasce nel mese di dicembre 2017, e si configura come la prima rete turistica con standard e qualità alberghiera diffusa. Raggruppa case e residenze, villaggi, piccole città, ville e casolari in un’unica grande organizzazione con finalità turistica.

Ideatore del progetto è Enrico Buselli, già fondatore di due alberghi diffusi in Toscana, un primo a Volterra ed un secondo a Montieri:  “Pensiamo con le modalità di una catena alberghiera, agiamo con principi di carattere tradizionale, territoriale e diffuso. Home Sharing Tuscany è progetto in forte crescita, unisce case, appartamenti, casolari e ville ai quali aggiunge servizi di alto standard alberghiero. Per gestire al meglio i flussi turistici realizziamo delle reception centrali, da dove organizziamo i servizi di pulizia, di lavanderia e di manutenzione. Collaboriamo con ristoranti e caffè dei luoghi con i quali organizziamo i servizi di colazione, di mezza pensione e di chef a domicilio. Tutto nel pieno rispetto dei villaggi e dei cittadini, delle caratteristiche territoriali e delle tradizioni originali dei luoghi dove operiamo”.

Home Sharing Tuscany è un modello di sviluppo turistico concepito per valorizzare il patrimonio immobiliare, storico, culturale e naturalistico dei territori della Toscana. Appartamenti, case e ville sono di proprietà di privati cittadini, ognuno diverso dall’altro, tutti con servizi di alta qualità. Il progetto prevede di inserire piccoli castelli e antichi borghi abbandonati, così come chalet in natura, anche in modalità glamping.

Per il prossimo 2018 sono previste aperture all’Isola d’Elba anche in “boat sharing”, a Castagneto Carducci con spiagge finissime, nella provincia di Siena tra terme e luoghi di culto e nelle colline del Chianti Classico con i grandi vini del Gallo Nero.

Home Sharing Tuscany